.

Torre D'Orti

Grazie alla lunga esperienza maturata con l’azienda agricola Cavalchina che nel 1962 fu la prima a chiamare il vino bianco della zona Custoza, i fratelli Franco e Luciano Piona non hanno potuto resistere al fascino della Valpolicella acquistando Torre d’Orti, una parte del monte che sovrasta il centro abitato di Marcellise, da centinaia di anni segnalata sulle carte geografiche. Franco e Luciano Piona hanno deciso di riconvertire a vigneto quest’area straordinaria e di dedicarla alla produzione di vini della Valpolicella. Per loro si tratta di un ritorno alle origini, in quanto il nonno, a suo tempo, era stato selezionatore e imbottigliatore proprio di questa tipologia di vini.

Torre d’Orti è esattamente un punto.

Qui la terra rossa, tipica della Valpolicella Classica, lascia spazio allo scoglio bianco, calcareo. Questo elemento, unito all’altitudine dei vigneti, fanno sì che i vini che ne nascono siano particolarmente atti all’invecchiamento, con una grande struttura, ph bassi ed equilibrio fra alcol, struttura tannica e polpa. Un’attenta cura del vigneto e delle rese consente alla famiglia Piona di avere un’uva più sana e ad alto grado zuccherino. In cantina si conciliano l’artigianalità con le innovazioni tecnologiche per un unico obiettivo: fare vini di qualità.